logo

Usare violenza contro dimostranti pacifici è diventato legale! PDF Stampa E-mail
Scritto da segreteria   
Sabato 26 Dicembre 2009 12:29

Il Partito Comunista ha preso atto con disgusto del decreto di non luogo a procedere deciso dal procuratore generale Bruno Balestra nei confronti dei 16 agenti della gendarmeria cantonale e della polizia comunale di Lugano che, nel novembre 2007, avevano caricato una manifestazione della "Clown Army" che contestava le Giornate di propaganda militarista dell'esercito svizzero.


Il nostro Partito era attivamente presente durante quelle manifestazioni e il nostro attuale segretario politico è stato pure l'autore di alcuni filmati che testimoniano la violenza della Polizia che ha ferito un operatore video e ha attaccato alle spalle a presidio ormai concluso una decina di pagliacci che facevano uno sketch satirico travestiti da militari.

Una giornalista francese in quei giorni di fine 2007 venne presa a ginocchiate da un poliziotto, un graduato aveva impedito addirittura a un cameramen della RSI di riprendere alcune scene (rivolgendosi a lui in dialetto e giustificandosi con la frase ben poco professionale "A parli in dialett perché a sum a cà mia"). Ora il processo resta aperto solo nei confronti di un agente che non solo ha distrutto la cinepresa ma ha fratturato l'ulna di un operatore video che filmava la carica. Vedremo se la giustizia è davvero uguale per tutti!

Eravamo presenti! Sappiamo che quell'azione di polizia fu violenta, sproporzionata e ingiustificata in quanto i manifestanti non mettevano assolutamente in pericolo l'incolumità degli agenti, della cittadinanza o degli oggetti. La settimana successiva, inoltre, i comunisti unitamente al CSA Il Molino e ad altri partiti e movimenti avevano pure portato in piazza mezzo migliaio di persone per chiedere giustizia. Una giustizia che questa sentenza non ha invece voluto concedere, favorendo (per l'ennesima volta) l'impunità di alcuni esaltati in divisa che mettono in cattiva luce l'intera sicurezza pubblica.

 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi