logo

Sottile revisionismo contro Bassanesi PDF Stampa E-mail
Scritto da redazione   
Venerdì 23 Ottobre 2009 11:10

Giovanni Bassnesi nel luglio 1930 decollò da Lodrino con il suo aereo e lanciò su Milano volantini contro il fascismo. Fu un gesto coraggioso e rischioso che smosse le coscienze. L'importanza di questo gesto suscita però "perplessità" per il Municipio di Lodrino che rifiuta di onorarlo. Tale gesto sarebbe "legittimamente discutibile", ma la lotta antifascista viene però riconosciuta - bontà sua - dall'esecutivo di Lodrino per il "valore morale" visto che i "valori praticati da questi cittadini non sono politici".


Sono affermazioni gravi, quelle dei municipali di Lodrino: il gesto di Bassanesi fu eroico, suscitò un terremoto politico a Milano e scosse la sicurezza di Mussolini. La sua incidenza non può essere sottovalutata, a meno di non essere un revisionista del fascismo! Tale gesto fu legittimo, così come legittima era ogni azione contro la dittatura (che godeva di amici anche nel Consiglio federale svizzero). Se il Municipio di Lodrino ha qualche dubbio sulla legittimità dell'azione di Bassanesi, che abbia il coraggio di dichiarare illegittima pure la lotta partigiana nel suo complesso.

Sappino i signori municipali che la lotta contro il fascismo, in qualsiasi forma, non è stata solo morale, è stato un atto quanto mai politico in difesa della libertà; non fu neutrale, fu di parte, schierata contro l'ignavia anche di certi politicanti che non si devono permettere di banalizzare la storia. Non capisco quali siano infine le "ragioni della concordia", la concordia con i fascisti (di ieri e di oggi) è indegna per un sincero democratico!
 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi