logo

Solidarietà al processo di pace nelle Filippine PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 28 Gennaio 2017 00:00

In Svizzera risiedono oltre 5’000 lavoratori immigrati dalle Filippine, alcuni di essi sono fuggiti dalle varie ondate repressive del governo filippino e dal conflitto in corso fra l’esercito lealista e la guerriglia patriottica e comunista. E’ nell’interesse quindi sia del popolo filippino, ma anche della Svizzera come paese d’accoglienza dei flussi migratori, che il processo di pace si concluda con successo.

 

Nel giugno scorso si era svolto un primo incontro informale fra una delegazione del Partito Comunista guidata da Lea Ferrari con sindacalisti e rappresentanti dell’organizzazione europea dei rifugiati filippini. Ieri si è invece concretizzato un incontro fra il segretario del Partito Comunista Massimiliano Ay e il prof. Asterio Palma, dirigente del Fronte Democratico Nazionale delle Filippine (FDNF) attualmente membro della delegazione che sta negoziando la fine delle ostilità militari con il governo del neo-presidente Rodrigo Duterte. L’incontro è avvenuto a margine di un evento pubblico organizzato a Milano dai compagni di Fronte Popolare (Italia) che ringraziamo sentitamente.

Il Partito Comunista si impegna a prestare attenzione ai diritti democratici dei lavoratori filippini in Svizzera e a sostenere eventuali progetti di rimpatrio volontario degli stessi qualora il processo di pace avanzasse come ci auguriamo.

 

 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi