logo

Regalare ai ricchi, togliere ai lavoratori e continuare la crisi! PDF Stampa E-mail
Scritto da Max Arifay   
Sabato 27 Giugno 2009 08:43

Il Partito Comunista è uno dei promotori del Comitato referendario "No al furto degli aiuti anticrisi" che sta in queste settimane raccogliendo le firme per portare a votazione popolare le decisione di concedere sgravi fiscali per 25 milioni di franchi alle aziende che fanno utili.

Gli investimenti che l'ente pubblico stanzia per affrontare questa crisi economica che sta coinvolgendo il capitalismo internazionale dovrebbero essere le basi per determinare dei paracaduti sociali a favore delle classi popolari che più di tutte sono a rischio. E non solo a livello di soldi, ma pure tramite misure legali urgenti per evitare licenziamenti. La crisi non è stata creata dai lavoratori, quanto piuttosto dai manager, dagli speculatori e dagli ideologhi del neoliberismo: qual è dunque il segnale politico che si dà all'opinione pubblica se proprio ad essi, a coloro che continuano nonostante tutto a fare profitti, si concede un ulteriore regalo di 25 milioni di franchi che vengono tolti agli aiuti per chi invece la crisi la sta soffrendo davvero?

I comunisti intendono bloccare questa decisione di una classe politica sorda ai bisogni delle fasce popolari e dei lavoratori e vuole confutare la propaganda secondo cui senza sgravi fiscali le aziende delocalizzano, peggiorando ulteriormente la situazione occupazionale ed economica. La delocalizzazione è un processo complesso e costoso, sono poche le aziende che se lo possono permettere e il padronato non abbandona un territorio stabile come quello svizzero solo perché non vengono concessi 25 milioni di franchi annui ai loro interessi. Questa è una politica spauracchio che deve cessare!

Questa crisi deve essere l'opportunità dei lavoratori vittime del neoliberismo agonizzante di organizzarsi e far sentire alta la propria voce, rivendicano con la lotta sociale un'economia in cui la partecipazione dei salariati alle sua gestione sia condicio sine qua non.

 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi