logo

Parlano di "libertà" ma poi sostengono le dittature... PDF Stampa E-mail
Scritto da Max Ay   
Giovedì 28 Maggio 2009 14:05

In quanto membro della Segreteria del Partito Comunista sono allibito e offeso dalle affermazioni dell'editore italiano Leonardo Facco, un esponente della destra ultra-liberista che su YouTube (">) aggredisce i comunisti ticinesi con epiteti del tipo: "squadristi" e "squallidi luridi personaggi" che "grondano di sangue".

Leonardo Facco ci insulta poiché abbiamo contestato, con una segnalazione al Ministero Pubblico della Confederazione e con un appello pubblico promosso dal nostro movimento giovanile, la presenza in Svizzera, su invito proprio dell'Associazione Liberisti Ticinesi, di José Pinera, ministro del governo dittatoriale e fascista di Augusto Pinochet in Cile, uno dei regimi militari più sanguinari e repressivi della recente storia latinoamericana.

L'estremismo di questo gruppuscolo di ultra-liberisti ha passato però il segno: già è indecente che per esporre le proprie idee antisociali si debba per forza sdoganare un complice di Pinochet cercando di banalizzarne il ruolo, ma è assolutamente intollerabile che si scateni con tanto livore una campagna anti-comunista con questi toni, maleducati, arroganti e aggressivi tramite video on-line e messaggi e-mail.

Il Partito Comunista ticinese non ha niente di cui rimproverarsi: abbiamo infatti semplicemente svolto il nostro ruolo di antifascisti conseguenti! Pinera ha ricoperto un'alta funzione politica nel regime fascista cileno, ne ha condiviso il golpe militare e i metodi violenti, ha collaborato a un quadro istituzionale basato sui crimini contro l'umanità e oltre a ciò ha varato riforme anti-sindacali e ha distrutto il principio di solidarietà intergenerazionale fra i lavoratori giovani e anziani. Smascherarlo alla cittadinanza era nostro dovere, così come lo era quello di segnalare alle autorità giudiziarie la sua eventuale relazione con le sparizioni di esseri umani e i fenomeni di corruzione che hanno caratterizzato il regime di cui faceva parte.

 

Massimiliano Ay, membro della Segreteria del Partito Comunista

 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi