logo

Intervento: "...profilare il discorso ecologista!" PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesco Vitali   
Lunedì 11 Novembre 2013 23:06

Care compagne e cari compagni,

accolgo molto positivamente la risoluzione del compagno Davide Rossi. Essa infatti tocca una tematica; quella dell'ecologismo troppo spesso poco sviluppata dal nostro Partito. Inoltre il compagno pone la giusta visione della tematica per un partito marxista: inserendo il discorso di classe nel problema ecologico. È infatti il capitalismo la causa fondamentale degli attuali squilibri ambientali di cui i proletari sono e saranno i primi a subirne le consegunenze.

Il capitale nelle sua sfrenata e infinita ricerca del profitto, della propria valorizzazione, si scontra con il raggiungimento della soddisfazione dei bisogni della società e coi limiti naturali imposti dalla finitezza del pianeta. Spesso infatti il rispetto dell'ambiente non rappresenta altro che un costo evitabile, costo che inciderebbe negativamente con il profitto, mezzo e scopo della produzione capitalista. 
Sostenere la giustissiama rivendicazione di evitare gli sprechi energetici attraverso le case ecologiche e di distribuire sul territorio impianti di produzione di energia eolica e solare, va a cozzare contro gli interessi dei colossi dell'energia. Poichè se ogni cittadino avesse disposizione una casa a basso consumo energetico ed in grado anche di produrne da sé tramite la tecnologia eloica, solare, geotermica, ecc queste grandi aziende vedrebbero la loro cifra d'affari contrarsi drasticamente. Ciò farebbe emergere la contradizione insita nel capitalismo, ossia in parole povere che conta di più il denaro che la salvaguardia dell'ambiente e conseguentemente del benessere della popolazione. Tale contraddizione deve essere sfruttata dal nostro partito nell'ottica della costruzione di una società futura basata sul soddisfacimento dei bisogni e il mantenimento degli equilibri ecologici.
Afforntare il discorso eco-socialista è quindi essenziale perché

  • ai giorni nostri come non mai la contraddizione tra capitale-natura è evidente.
  • non è possibile pensare alla costruzione di una società futura senza trovare delle reali soluzioni alla attuale crisi ecologica.
  • allo stesso modo un partito comunista non può oggi non coniugare la lotta contro lo sfruttamento dei lavoratori con la lotta contro lo sfruttamento della natura.

Infine voglio ricordare che una delle prime persone ad accorgersi dei problemi derivanti dall'eccessivo sfruttamento della natura era Karl Marx. Noi quindi come eredi del suo pensiero teorico non dobbiamo lasciarci sfuggire l'occasione di sviluppare la teoria marxista in senso ecologico, che è appunto l'unica in grado di spiegare che l'attuale distruzione della natura non è imputabile all'essere umano in quanto tale, ma ad una precisa impostazione socio-economica, in cui è organizzato che è il capitalismo!

Grazie!

 

Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi