logo

Bertoli faccia il socialista e difenda il diritto di sciopero! PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 04 Dicembre 2012 02:13

 

Il Partito Comunista ribadisce il proprio sostegno allo sciopero degli studenti, dei docenti e dei dipendenti pubblici e parapubblici di mercoledì 5 dicembre. Lo ribadiamo sulla scorta delle polemiche intercorse negli ultimi giorni fra alcuni docenti e il capo del DECS Manuele Bertoli. A quest'ultimo giova forse ricordare che il diritto di sciopero è previsto dall'Organizzazione Internazionale del Lavoro, un'agenzia dell'ONU e che precettare (perché questa è la sostanza!) dei docenti è da considerarsi come comportamento anti-sindacale! Il compagno Bertoli deve ricordarsi che è stato eletto in Consiglio di Stato per portare le idee del socialismo nel governo e non viceversa, conseguentemente dovrebbe battersi come un leone per tutelare in prima persona i suoi dipendenti che incrociano le braccia e non giocare al burocrate legalitario.

I lavoratori coinvolti stanno dimostrando un senso di responsabilità enorme per garantire un servizio minimo in ogni ambito. Questo vale anche negli istituti scolastici dove il 5 dicembre non sarà - naturalmente! - garantito il servizio educativo normale e conseguentemente non può vigere l'obbligo per le famiglie di mandare i loro figli in una scuola di fatto chiusa. Inoltre pure gli studenti hanno dichiarato lo sciopero e gli allievi potranno quindi manifestare a loro volta.

La volontà di ricercare a tutti i costi il conflitto da parte del Consiglio di Stato e dalla classe politica che dirige il Cantone, la quale propone addirittura di aumentare i tagli nel Preventivo 2013, è da considerarsi irresponsabile e la dimostrazione che le misure di austerità contro i lavoratori e i giovani sono in piena sintonia con i piani di attacco ai diritti sociali e alla stessa democrazia in voga nei paesi membri dell'Unione Europea.

Quanto alla forza maggioritaria a sinistra, il Partito socialista, che decida se stare con i lavoratori, sostenendo unanimemente la mobilitazione anche a livello di governo; oppure se rinunciare alla lotta e preferire una concertazione ormai moribonda con la destra. Da parte nostra, come Partito Comunista, scegliamo di collaborare con le forze sociali del Cantone - sindacati e movimenti a favore della scuola e del servizio pubblico - in un'alleanza di classe, che in futuro dovrà estendersi agli operai e impiegati del privato, ai pensionati e ai disoccupati. I comunisti continuano a proporre da un lato concretamente una tassa patrimoniale per i milionari con cui riempire le casse dello Stato e dall'altro il lancio di un fronte popolare di lotta anti-crisi che metta in discussione le modalità di sviluppo economico del Cantone su altre basi e con altre priorità rispetto al pareggio di bilancio.

 

 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi