logo

Minipreservativi: Vai sciallo, zio! PDF Stampa E-mail
Scritto da Max Arifay   
Giovedì 04 Marzo 2010 11:04

Il Partito Comunista invita il PPD, il partito della curia, a tranquilllizzarsi e a evitare di mettere al rogo “AiutoAIDS”. Insomma: “vai sciallo, zio!”

Lanciare un preservativo di ridotte dimensioni per venire incontro alle esperienze sessuali precoci di adolescenti di 12-14 anni non può essere classificato come un “messaggio al limite della depravazione!”. Questo è puro moralismo condito di tanta ipocrisia cattolica. Crediamo che se vi sono giovanissimi che intendono avere un rapporto sessuale – piaccia o meno al PPD, a Santa Madre Chiesa o a chicchessia – sia un dovere offrire loro ogni strumento per proteggersi da malattie o da gravidanze indesiderate. O pensa forse il PPD di riuscire, per decreto divino, a vietare il sesso sotto una certa età?

E’ pericoloso sostenere che l’educazione sessuale spetti esclusivamente alla famiglia: negare l’importanza delle competenze psico-pedagogiche e scientifiche (cioè laiche!) di cui la scuola pubblica dispone per affrontare questo tema delicato è un gesto oltre che dogmatico, anche ben poco responsabile verso la salute pubblica!

L’attività sessuale nella pre-adolescenza non può essere trattata come un tabù, al contrario ci deve spingere a un maggiore dialogo con i nostri figli il più presto possibile, trasmettendo loro fiducia, trovando i metodi più adatti per comunicare e insegnare loro come divertirsi in modo responsabile. Un’esperienza sessuale se esiste affetto ed è protettata non può essere – come si ostina a credere la Chiesa – “dannosa per lo sviluppo della personalità”! Ad essere dannosa è la morbosità, la paura e l’insicurezza!

Il Segretario del Partito Comunista
Massimiliano Ay

 


Created by P-Live. Ticino Top - classifica blog e siti ticinesi